Spese di spedizione gratuite per ordini superiori a 79,90 €

Mal di Testa

Che cosa s'intende per mal di testa?

Per mal di testa, o cefalea, si intende il dolore localizzato nella parte superiore del capo.


Quali sono i sintomi del mal di testa?

Il mal di testa va innanzitutto distinto in:

Cefalee primarie (in cui non vi sono specifici fattori o malattie che possono averle provocate)

Cefalee secondarie (in cui si individua una causa scatenante come, ad esempio, un dente cariato)

Nelle cefalee primarie vanno incluse l'emicrania, la cefalea muscolo-tensiva e la cefalea a grappolo. L'emicrania è sicuramente il disturbo maggiormente diffuso, i cui sintomi principali sono: dolore, nausea, vomito, fastidio indotto da suoni e luci. La cefalea muscolo-tensiva si differenzia per l'assenza di nausea e vomito, la cefalea a grappolo si manifesta, invece, con oltre che con la presenza di dolore con lacrimazione, congestione nasale, sudorazione in viso e irrequietezza.

In caso di cefalee secondarie si possono osservare i seguenti sintomi: cefalea violenta, segni neurologici, febbre, modificazioni del comportamento, aura prolungata (disturbo del linguaggio, fastidio della luce, difficoltà visive, precedenti l'attacco di mal di testa).


Quali sono le cause del mal di testa?

Le cefalee primarie sono imputabili, in genere, all'interazione di tre fattori:

Predisposizione genetica

Cause endogene (interne all'organismo come, ad esempio, reazioni ormonali)

Fattori ambientali scatenanti


Le cefalee secondarie possono, invece, derivare da:

Trauma cranici o cervicali

Infezioni

Tumore

Ictus

Emorragia cerebrale

Nevralgia

Disturbo psichiatrico

Disturbi vascolari cranici


Quali sono i rimedi per il mal di testa?

Il trattamento del mal di testa varia a seconda del tipo di cefalea sperimentata e della causa che l'ha prodotta. In caso di mal di testa lieve è sufficiente riposare e assumere un analgesico nel caso in cui il dolore non passi. Può essere utile scegliere un luogo silenzioso e poco illuminato e stare attenti all'alimentazione, evitando alcolici e cibi difficilmente digeribili come le fritture. In caso di cefalee secondarie e più strutturate occorre il consulto con uno specialista per individuare la causa e il trattamento più efficace.