Spese di spedizione gratuite per ordini superiori a 79,90 €

Insonnia

Che cos'è l'insonnia?

L'insonnia è un disturbo del sonno che si traduce nella difficoltà ad addormentarsi o con continui risvegli durante il sonno. Si tratta di un problema sempre più comune che può essere la spia di altre problematiche di origine fisica o psicologica.


Quali sono i sintomi dell'insonnia?

L'insonnia si manifesta con la difficoltà ad addormentarsi o con continui risvegli durante il sonno. Può essere iniziale, centrale o terminale a seconda della fase del sonno in cui si verifica maggiormente. Inoltre può essere classificata a seconda della durata dei sintomi, si parla, infatti, di insonnia transitoria se dura meno di un mese, insonnia a breve termine se i sintomi persistono fino a sei mesi e insonnia cronica se la difficoltà dura oltre i sei mesi.


Quali sono le cause dell'insonnia?

Le cause dell'insonnia possono essere molteplici, le più comuni sono:

Stress

Depressione

Ansia

Menopausa

Iperattività della tiroide

Malattie o dolore fisico

Assunzione di determinati farmaci

Fattori ambientali disturbanti


Quali sono le conseguenze dell'insonnia?

Il sonno è un elemento importantissimo per il nostro benessere psicofisico, per questo motivo l'insonnia, soprattutto quella a breve termine e cronica, può arrecare gravi danni alla vita quotidiana delle persone. Innanzitutto coloro che soffrono di insonnia sperimentano più alti livelli di ansia, nervosismo, irritabilità, tristezza e pensieri negativi, hanno una minore efficienza fisica, maggiori disturbi della memoria e difficoltà a risolvere i problemi. Durante il giorno avvertono, infatti, confusione e poca lucidità, per questo incorrono spesso in problematiche lavorative a causa del calo del rendimento e riescono difficilmente a gestire stress familiari e relazionali. Per questo motivo occorre agire tempestivamente fin dalla comparsa dei primi sintomi per evitare che il disturbo si cronicizzi.


Quali sono i rimedi per l'insonnia?

Vi sono diversi rimedi utili per contrastare i sintomi dell'insonnia, tuttavia, è opportuno, soprattutto in caso di insonnia cronica, approfondirne le cause con uno specialista per individuare il trattamento più efficace. In primo luogo è consigliabile un'alimentazione leggera e sedativa, soprattutto per il pasto serale, ricca di frutta e verdura di stagione. In particolare è consigliata l'assunzione di verdure come zucchine, fagiolini, pesto e insalata di valeriana. Molto utile è anche l'assunzione di tisane rilassanti a base di camomilla, biancospino, tiglio, melissa e passiflora. È importante preservare uno stile di vita sano allontanando il più possibile lo stress e ricordandosi di compiere regolarmente attività fisica (evitando le ore serali). Lo yoga si è rivelato particolarmente utile in caso di insonnia, così come le tecniche di meditazione e il training autogeno. Vi sono poi alcune buone abitudini da acquisire per contrastare i disturbi del sonno come:

Scegliere attività distensive prima di andare a letto (ad esempio leggere un libro, ascoltare musica, fare un bagno caldo)

Limitare l'uso dello smartphone nelle ore precedenti

Cercare di andare a dormire e svegliarsi sempre negli stessi orari per sviluppare una routine sonno-veglia, anche se ci si sente stanchi la mattina e ancora attivi la sera.

Preferire sempre lo stesso luogo per addormentarsi, senza cedere alla tentazione di dormire, ad esempio, sul divano davanti alla tv.

Se ci si sveglia durante la notte rimanere a letto non è una buona abitudine perché il desiderio di riaddormentarsi subito unito alla paura di non riuscirci e perdere così preziose ore di riposo può dar vita ad attacchi di ansia che peggiorano l'insonnia. In questi casi è meglio, infatti, alzarsi dal letto, cambiare stanza e dedicarsi ad attività rilassanti per poi ritornare a letto quando si avvertono i primi segnali di sonno.

In caso di insonnia prolungata si può poi fare ricorso ad appositi farmaci ipnoinducenti.