Spese di spedizione gratuite per ordini superiori a 79,90 €

La vitamina B6: caratteristiche e benefici

La vitamina B6: caratteristiche e benefici

24/01/2020

La vitamina B6 fa parte di quelle vitamine, cosiddette idrosolubili, che non possono essere immagazzinate dall’organismo e devono essere regolarmente assunte grazie all’alimentazione. 

La vitamina B6 si presenta in tre forme attive: la piridossina, la piridossamina e la piridossale

Funzioni e benefici

La vitamina B6 partecipa nelle funzioni relative al metabolismo degli aminoacidi, degli acidi grassi e degli zuccheri, oltre ad essere importante per la formazione degli ormoni e dei globuli bianchi e rossi. La vitamina B6 interviene anche:

  • nel metabolismo del triptofano (chinureninasi);
  • sintesi di molti neurotrasmettitori: serotonina, taurina, dopamina, norepinefrina, istamina e acido γ-aminobutirrico;
  • come modulatore degli ormoni steroidei.

Un ruolo non meno importante lo svolge anche nella costituzione della barriera immunitaria necessaria per evitare di contrarre diversi disturbi, nella stimolazione di varie funzioni cerebrali e nella prevenzione dell’invecchiamento, motivo per il quale viene utilizzata in numerosi prodotti anti invecchiamento.

Dove la si trova

La vitamina B6 è presente in cibi di vario genere e ciò ne permette una facile reperibilità, per l’organismo, nei più disparati tipi di alimentazione, siano esse a base vegetariana o meno. In particolare, è presente nelle carni, specialmente quelle bianche, nel pesce, negli spinaci, nelle patate e nei legumi. La si trova anche in diverse varietà di frutta, esclusi gli agrumi.

Il suo essere presente in diversi tipi di alimenti, la rende una vitamina la cui carenza è molto rara. Quando i valori ad essa relativi sono bassi, si può avvertire apatia e debolezza diffusa, fisica e mentale, ma anche insonnia, spasmi muscolari, ritenzione idrica e disturbi del sistema nervoso.

Nei casi ancora più rari di forte carenza, può essere causa di anemia ipocromica (con i globuli rossi che assumono un colorito più chiaro) e può corroborare la formazione di calcoli nei reni.

Se desideri approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.


Aggiungi un commento